• La diagnosi è da sempre un passaggio fondamentale per la creazione di un ottimale percorso di cura del paziente. Per questo motivo nel Centro Odontoiatrico Sforza mettiamo a disposizione, per la diagnosi e la successiva terapia dei pazienti, apparecchi radiografici di ultima generazione.

    Queste tecnologie ci servono e ci supportano per il monitoraggio della salute dentale e per intercettare eventuali problematiche.

    Prima di iniziare a leggere questo articolo ci teniamo a precisare che in ottemperanza con le disposizioni di Legge, le radiografie vengono eseguite soltanto quando strettamente necessarie, secondo i principi della "giustificazione” e della “ottimizzazione della dose” oltre che della "complementarietà" alle cure odontoiatriche.

     Inoltre le RX vengono sviluppate con la massima cura e quindi inserite nella cartella digitale di ciascun paziente e conservate per le successive valutazioni.

    Radiografie endorali

    Nella maggior parte delle situazioni cliniche, per una diagnosi corretta, dopo un esame clinico accurato eseguito in prima visita dal dentista, possono essere indicate radiografie endorali.

    Se correttamente eseguite consentono al clinico di intercettare carie, anche molto piccole, eventuali lesioni apicali (cisti, granulomi) e di valutare la presenza e le caratteristiche di tasche ossee in caso di parodontite.

    OPT (ortopantomografia o panoramica)

    In alcuni casi può essere indicato un esame rx extraorale definito comunemente Panoramica che, pur con una minore definizione e capacità diagnostiche per identificare ad carie, granulomi e tasche osse, consente al clinico di avere informazioni sui denti del giudizio oltre che sullo stato dell’osso lontano dalle radici dentali.

    Consente inoltre di valutare i seni mascellari e le articolazioni della mandibola (ATM) oltre che per una prima valutazione sulla fattibilità della terapia implantare. Si tratta di un esame semplice e veloce e, rispetto al passato, con ridotta esposizione del paziente ai raggi x.

    Anche in questo caso comunque, in ottemperanza con le disposizioni di Legge, l’esame deve essere eseguito soltanto dopo un esame clinico obiettivo e mai prima come esame di screening.

    Esami radiografici 3D

    In alcuni casi specifici, come in certe situazioni cliniche di implantologia, può essere necessario per il dentista, dopo una valutazione clinica e radiografica bidimensionale iniziale, avere indicazioni sulla quantità ossea non soltanto in termini di altezza, ma anche di spessore.

    In questo caso può essere indicato l’impiego della CBCT che consente di ricevere informazioni dettagliate per la diagnosi e la corretta pianificazione della terapia implantare. Grazie a questa tecnologia è possibile infatti pianificare la posizione degli impianti nel rispetto delle strutture nervose e vascolari e coerentemente con il progetto protesico, facilitando il clinico nell’eseguire un trattamento di qualità e in piena sicurezza per il paziente.

    A differenza di quello che si potrebbe credere, l’esame è molto semplice e veloce e non comporta alcun dolore o fastidio al paziente.

    Se desideri ricevere ulteriori informazioni puoi contattarci allo 051222542 oppure visitare il nostro sito web: www.centroodontoiatricosforza.it


    Torna alle news